Re Mida ha perso lo scettro

Era una delle reti di Compro Oro più estesa d'Italia, dal titolo fortemente significativo e mitologico: Re Mida.
 

La fine della catena di negozi con sede ad Ostiglia, nel Mantovano, è stata sancita con il fallimento, dichiarato due anni fa. In cassa, nei ventidue negozi, rimanevano 113mila euro di “tesoretto" , per il quale si è aperta il 30 maggio la prima asta. Si tratta di un'asta telematica che si concluderà a metà giugno. Tra gli oggetti in vendita, orologi di grande valore: Rolex, Cartier, Breitling. Non mancano poi anelli, ciondoli e gioielli risalenti a diverse epoche. Disseminati nelle regioni centro-settentrionali, tra Lombardia, Veneto, Trentino, Emilia-Romagna e Toscana, Re Mida è finito a gambe all'aria dopo un'indagine della Guardia di Finanza. Diversi i reati ipotizzati dalle Fiamme Gialle ma molti degli imputati sono usciti assolti in primo grado.

Condividilo sui Social!