Immobiliare avanti tutta, aste e 'on line' nel motore della ripresa

Il bilancio biennale di Real Estate Discount: come crescere insieme ai clienti

Real estate e settore delle costruzioni guardano con ottimismo al 2018. I dati diffusi dall’Istat e da OMI, l’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, certificano infatti il trend espansivo del mattone, già in crescita nel quarto trimestre 2017, e lanciano al mercato importanti segnali di fiducia per i mesi a venire. Secondo l’Istituto nazionale di statistica, lo scenario macroeconomico tricolore resterà favorevole beneficiando della risalita del Prodotto interno lordo (Pil), in crescita costante per tutto il 2017 (in media +0,4%) grazie alla rinnovata e ritrovata fiducia negli investimenti. Nel ultimo scorcio del 2017 il sostegno maggiore è venuto proprio dal comparto delle costruzioni e da quello immobiliare, con le compravendite che, come certificato da Omi (statistiche visibili qui) hanno toccato punte del +6% per il residenziale e del 9% per il terziario commerciale. Dati di assoluto rilievo dopo anni di contrazioni e le previsioni, stando anche il positivo indice del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese, sono orientate all’ottimismo. In questo contesto, interessante diventa anche il dato relativo al volume e all’andamento delle compravendite registrate negli ultimi mesi da Real Estate Discount, principale player a livello nazionale nella vendita on line di beni immobili provenienti da privati, società di leasing, liquidazioni volontarie, fallimenti e procedure concorsuali. Negli ultimi due anni di attività il portale ha proceduto alla vendita di circa 450 lotti. Attualmente Real Estate Discount gestisce un portafoglio costituito da oltre 2.200 lotti per un valore gestito superiore a 1,2 mld di euro, generando un ‘traffico’ on line che sfiora le 6.000 visite medie giornaliere, con un immobile venduto ogni 28 ore. La spinta alla ripresa delle transazioni immobiliari, dunque, passa sempre più dai nuovi canali telematici e digitali, da quelle aste e vendite on line che stanno catalizzando sempre più l’attenzione dei privati, interessati a vendere e capitalizzare in tutta sicurezza, ma soprattutto dei compratori. Sul mercato è evidente, infatti, la propensione da parte dell'acquirente a cercare un ulteriore via al risparmio, quindi a dare la caccia on line a possibili opportunità immobiliari all’asta. Un trend, questo, che ormai si sta consolidando sia con riferimento al residenziale puro che per il terziario/produttivo e il settore ricettivo-turistico.

Condividilo sui Social!